Organizzazione iscritta al M.I.U.R. allo schedario dell'Anagrafe Nazionale delle Ricerche Art. 64, comma 1, DPR 11 luglio 1980 n. 382, cod. 62154OMH Organizzazione iscritta nel registro delle discipline Bionaturali regione LombardiaLEGGE REGIONALE 1 febbraio 2005, N. 2

Valutazione e attestazione degli animali in IAA

Con l’ASL di FOGGIA Finalmente si parte con gli I.A.A.

LA FORMAZIONE IN IAA ASL DI FOGGIA ALL’AVANGUARDIA

Nell’accogliente cornice del Convento dei Cappuccini di San Severo, si è concluso sabato 27 gennaio 2018 il primo step del Corso di Formazione in I.A.A. (Interventi Assistiti con gli Animali), organizzato dalla Asl di Foggia e dal Dott. Luigi Urbano, Dirigente dei Servizi Veterinari, che con la sua passione e determinazione ha portato avanti questo progetto da diversi anni, coadiuvato dall’Ente Nazionale Guide Equestri Ambientali.

Il Corso, che ha avuto inizio il 30 novembre 2017 e che, nella sua giornata di apertura, ha visto la partecipazione di tutte le autorità del territorio [Dott. Paolo Pellegrino e Dott. Paolo Campo (esponenti del Consiglio Regionale e firmatari della Legge Regionale sugli IAA), Ing. Lucia Di Lauro (Dirigente del Servizio della Protezione Civile della Regione Puglia), Dott. Vito Piazzolla (Direttore Generale Asl Fg), Dott. Antonio Battista (Direttore Sanitario Asl Fg), Prof. Franco Condò (Dirigente Dip. Economia Università di Foggia), Dott. Salvatore Onorati (Presidente Ordine Medici), Dott. Antonio di Gioia (Presidente Ordine Psicologi), Dott. Zaccaria Di Taranto (Presidente Ordine Veterinari), Dott. Leonardo Trevisano (Direttore Dipartimento Riabilitazione Asl Fg)], è stato organizzato tenendo conto non solo di quanto previsto dalle Linee Guida Nazionali sugli IAA (Accordo Stato-Regioni 25 marzo 2015), già recepite a livello regionale (Leg Reg n.64 del 27/09/2017), ma anche delle indicazioni europee. Sia l’evidenza scientifica infatti che la pratica clinica hanno dimostrato che l’utilizzo degli animali a scopo terapeutico è una alternativa valida alla riabilitazione convenzionale nonchè un completamento alle terapie tradizionali, sia in termini curativi che economici, in quanto è stato dimostrato che il suo utilizzo riduce notevolmente la spesa sanitaria soprattutto per quanto concerne l’utilizzo dei farmaci.

Secondo quanto previsto dalla legislazione nazionale, gli Interventi Assistiti con gli Animali richiedono l’utilizzo di una equipe composta da diverse figure professionali, Referenti di intervento (Medici, Psicologi e personale sanitario), Veterinari e Coadiutori dell’Animale, che siano specificatamente formati nel settore secondo le singole competenze. Il Corso, pur attenendosi alle indicazioni legislative nazionali, è il primo in Italia, con le sue 400 ore circa di frequenza, a prevedere un programma ampio e completo, nonché notevolmente formativo, in quanto si avvale di numerosi esperti del settore.

Esso prevede un Corso Propedeutico, comune a tutte le figure professionali, un Corso Base, specifico per le singole professionalità (Responsabili di Progetto, Medici Veterinari, Coadiutori del cane e Coadiutori del Cavallo) e un Corso Avanzato.

Il Corso Propedeutico, terminato nella giornata odierna, ha inoltre visto la partecipazione di Mauro Testarella, Presidente Nazionale di ENGEA (Ente Nazionale Guide Equestri e Ambientali), che ha consegnato al Dott Urbano un riconoscimento per la sua importantissima ed illustre iniziativa, nominandolo membro del Comitato Scientifico del Gruppo Engea, grazie soprattutto alle sinergie che questi ha creato con i Rappresentanti dell’Ente per l’organizzazione del Corso per Coadiutore del Cavallo.

L’ENGEA è presente sul nostro territorio con i suoi centri (SITIZZO EQESTRE Monte Sant’Angelo, CENTRO EQUESTRE ROCCATAGLIATA San Severo VOLPEQUESTRIA Foggia), perseguendo con le varie professionalità di cui dispone sia attività sportive che interventi a carattere ludico-ricreativo, educativo e riabilitativo-terapeutico. È inoltre attivo nella formazione continua dei suoi operatori nonché nel dialogo continuo con le istituzioni al fine di promuovere le attività equestri a vario livello e nelle sue diverse applicazioni. Infatti, collabora attivamente con le associazioni di disabili organizzando oramai da diversi anni molteplici iniziative.

È auspicabile che in un prossimo futuro questa modalità curativa, preventiva, educativa e ludico-ricreativa, che sta formando esperti nel settore, sia sempre più inserita nei servizi sanitari e che si affianchi alle terapie tradizionali, soprattutto al fine di potenziarne l’efficacia, prevenire le ricadute e migliorare la qualità di vita delle persone con difficoltà sociali e con disabilità fisica e psichica.

Un corso di successo alla prima tornata e quindi all’esame, si sono presentati 80 partecipanti, che hanno dato giudizio favorevole e positivo per questa esperienza didattica unica in Italia nel suo genere.

Ora si proseguirà per le successive fasi, dove tutti hanno già deciso di continuare…